Sostegno per l'affitto: contributi per morosità incolpevole

Concessione di contributi a sostegno di inquilini morosi incolpevoli nel pagamento dell’affitto e per chi ha subito perdite di reddito causa Covid

Cos'è

Nell’ambito delle politiche di sostegno alle famiglie per il pagamento dell’affitto, a partire dal 13 aprile 2021 è pubblicato l’avviso per la concessione di contributi a sostegno di inquilini morosi incolpevoli nel pagamento dell’affitto o per chi ha subito perdite di reddito causa Covid.

 

Il Fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli è stato istituito presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con il D.L. 102/2013 (convertito con modificazioni nella L. 124/2013). Si tratta, infatti, di una misura esistente sin dal 2014, che viene adesso rafforzata per sostenere le famiglie in difficoltà in conseguenza dell'emergenza Covid-19.

 

Cosa si intende per morosità incolpevole 
Per morosità incolpevole si intende la situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone di locazione a causa della perdita o di una consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare.

 

Per informazioni e assistenza telefonica alla compilazione della domanda online:
Area Gestione Contabile Rapporti di locazione di ACER FERRARA
lunedì e giovedì dalle ore 10:00 alle ore 12:30
martedì dalle 15:30 alle 17:00
Tel. 0532 230363 -  0532 230383

 

In caso di esaurimento di Fondi verrà data notizia con pubblicazione sui siti istituzionali del Comune e di ACER Ferrara.

A chi si rivolge

  • nuclei familiari - anche composti da una sola persona - in difficoltà, che hanno ricevuto un avviso di sfratto o di decadenza dall’assegnazione di un alloggio ERP/ERS;
  • Novità 2021: nuclei familiari che, pur non essendo destinatari di provvedimenti esecutivi di sfratto o decadenza ERP/ERS, dichiarino di aver subito, in ragione dell’emergenza sanitaria, una perdita del proprio reddito Irpef superiore al 30% nel periodo marzo-maggio 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (2019) e di non essere nelle condizioni di far fronte al pagamento del canone di locazione.

Chi può presentare

Ulteriori requisiti richiesti per l’accesso al beneficio

  • Cittadinanza Italiana oppure di uno Stato appartenente all’Unione Europea, oppure regolare permesso di soggiorno o carta di soggiorno, ai sensi del D.Lgs. n. 286/98 e ss.mm.ii.
  • Reddito ISE (indicatore della situazione economica) non superiore a € 35.000,00 oppure reddito ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) non superiore a € 26.000,00.
  • Titolarità di un contratto di locazione regolarmente registrato.
  • Residenza nell’alloggio da almeno un anno.
  • Nessun componente del nucleo familiare deve essere titolare di diritti di proprietà, usufrutto, uso o abitazione su un alloggio nella provincia di residenza, fruibile ed adeguato alle esigenze del nucleo familiare, ai sensi del D.M. 5 luglio 1975.

Accedere al servizio

Come si fa

Come presentare la domanda

 

È possibile presentare domanda di contributo esclusivamente tramite l’accesso alla piattaforma online presente sul sito internet di ACER Ferrara.


Le domande dovranno essere inoltrate, entro il 31 Dicembre 2021, ad ACER Ferrara con le modalità indicate nell’avviso pubblico.

Cosa si ottiene

A quanto ammonta il contributo

I contributi verranno parametrati con le seguenti modalità:

- fino a un massimo di € 8.000,00, per sanare la morosità incolpevole accertata, qualora il periodo residuo del contratto di locazione in essere non sia inferiore ad anni due, con contestuale rinuncia, da parte del proprietario, pubblico o privato, all’esecuzione del provvedimento di rilascio dell’immobile ovvero accettazione della cessazione della materia del contendere;

 

- fino a un massimo di € 6.000,00, per ristorare la proprietà dei canoni corrispondenti alle mensilità di differimento, qualora il proprietario dell’immobile consenta il differimento dell’esecuzione del provvedimento di rilascio dell’immobile, per il tempo necessario a trovare un’adeguata soluzione abitativa all’inquilino moroso incolpevole;

 

- fino a un massimo di € 6.000 per ristorare la proprietà della morosità maturata dal richiedente a far data dal mese di marzo 2020 e la cui causa sia riconducibile ad un calo del reddito IRPEF del nucleo familiare superiore al 30% derivante dalla pandemia COVID-19;

 

- assicurare il versamento di un deposito cauzionale per stipulare un nuovo contratto di locazione ed il versamento di un numero di mensilità relative ad un nuovo contratto di locazione da sottoscrivere, per lo stesso alloggio o per un altro, a canone concordato o di altra tipologia inferiore al canone di mercato, fino alla capienza del contributo massimo complessivamente concedibile di € 12.000,00.

Costi e vincoli

Vincoli

Si ricorda che i contributi erogati a titolo di Fondo per l’Affitto 2021 sono incompatibili con i contributi di cui al Fondo per la morosità incolpevole. Non sarà, dunque, possibile, accedere a questo beneficio nel caso in cui si abbia percepito, nell’anno 2021, il contributo relativo al Fondo per l’Affitto.

 

Non è altresì possibile accedere al contributo se il nucleo ISEE è beneficiario del reddito di cittadinanza o della pensione di cittadinanza. 

 

Per tutte le altre condizioni di accesso al fondo e le cause di esclusione si rimanda alla lettura dell’Avviso Pubblico sul sito di ACER Ferrara.

Aggiornamento

24/09/2021 12:53