Salone del Restauro Ferrara - Bari

Ippoliti di UNIFE: "Italia all'avanguardia nel mondo. Sostenibilità e ricostruzione post sisma sono le priorità".

Data di inizio:

02/09/2021

Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

Contenuto della notizia

“Grazie alla lunga esperienza su un patrimonio storico straordinariamente ampio ed eterogeneo, la cultura del restauro italiana si è evoluta con largo anticipo rispetto agli altri Paesi. Questa qualità messa in campo è da lungo tempo riconosciuta, apprezzata e premiata a livello internazionale”.

A dirlo - oggi al Salone del Restauro di Ferrara, per quest’anno in trasferta alla Fiera del Levante di Bari - è stato il direttore del Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara, Alessandro Ippoliti, nominato presidente del Comitato Tecnico Scientifico del Salone e di Assorestauro, Comitato composto da autorevoli studiosi e professionisti del settore del restauro italiano (tra i componenti anche Silvia Paparella, ad di Ferrara Fiere).

 

Tra i compiti del Comitato ci sono - ha spiegato Ippoliti - "quelli di definire e indirizzare gli argomenti di ricerca, di formazione e di collaborazione scientifica sul tema del restauro dei beni culturali e di individuare le tematiche principali che verranno dibattute nell’ambito delle edizioni del Salone Internazionale del Restauro, con il coinvolgimento di istituzioni ed imprese".

 

Il professor Ippoliti ha spiegato a stakeholder, addetti ai lavori e, in generale, al pubblico presente a Bari che “gli obiettivi del lavoro del Comitato Tecnico Scientifico riguardano in particolare i due principali ambiti al centro del dibattito attuale, la sostenibilità dei beni culturali e la ricostruzione post-sisma”. Le sfide - ha poi spiegato il docente - sono principalmente: “Favorire il dialogo tra tutte le componenti del mondo del restauro”, la “formazione dei giovani”, la “valorizzazione delle loro competenze”. “Soprattutto in questo momento storico è importante offrire opportunità per il futuro non solo in termini occupazionali ma soprattutto in termini culturali”, ha precisato.


Il Salone quest'anno è ospitato in terra pugliese, fino a domani, e ha preso il via anche con un intervento del presidente di Ferrara Fiere Andrea Moretti che ha sottolineato l’importanza di “aver esportato, per questa edizione, il modello di Ferrara. Modello che - ha precisato - sta riscontrando grande interesse”. Ecco i numeri della manifestazione, edizione 2021: 120 espositori tra istituzioni, imprese specializzate in restauro, studi di architettura e ingegneria, fornitori e produttori di materiali, società di servizi legati ai beni culturali e alla valorizzazione di siti storici o impegnate in tecnologie, diagnostica e illuminazione, 45 convegni in programma, 30 curati dal Ministero della Cultura, 25 componenti delle delegazioni estere presenti.


Intanto - spiegano il presidente Moretti e l’amministratore delegato Silvia Paparella - “continua il potenziamento della rete di contatti, anche esteri, che stiamo acquisendo, base per l’ulteriore rilancio di questo evento, che - anche in questa occasione - sta portando il nome di Ferrara all’attenzione del mondo, come punto di riferimento di settore per istituzioni, aziende, associazioni e addetti ai lavori”.

Altre informazioni

Data pubblicazione

02/09/2021

Aggiornamento

02/09/2021 17:02