Il celebre fotografo Franco Fontana in S.Giuliano: "Ferrara, la più bella città dell'Emilia"

Il progetto di realizzare la "Quinta Strada" in Corso Ercole D'Este

Data di inizio:

27/09/2021

Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

Contenuto della notizia

"Ferrara è la più bella città dell'Emilia. Perché? Non si può spiegare, è una sensibilità personale, sarebbe come spiegare l'anima. Qui vivi emozioni che non si possono raccontare". A parlare è Franco Fontana, uno dei fotografi italiani contemporanei più celebri a livello internazionale, oggi a Ferrara nell'ambito del Festival Riaperture. Questa mattina Fontana ha visitato la chiesa di San Giuliano dove sono esposti alcuni suoi scatti. Qui è stato accolto dall'assessore Marco Gulinelli e da Giacomo Brini, curatore di 'Riaperture'.


Il famoso fotografo, oggi 87enne - che questo pomeriggio terrà un workshop a Grisù - passando in rassegna le sue celebratissime foto, esposte negli scenari dell'antica chiesa, ha rivelato alcuni dei suoi ultimi lavori: la collaborazione con Lamborghini, sulla cui storia sono in corso le riprese proprio nel territorio ferrarese, e l'idea di realizzare un progetto sulla 'Quinta strada', tra foto e testi letterari, e con un chiaro riferimento anche al film del 1926 di  Robert Vignola.

 

Un progetto che condivide con un altro grande della fotografia, Italo Zannier ("io vorrei fare le foto, lui i testi"), che ha esposto, proprio nei mesi scorsi, al Padiglione di arte contemporanea di Ferrara. Su proposta dell'assessore Gulinelli è nata l'idea di utilizzare come scenario, al posto di New York, Ferrara e il suo corso Ercole I d'Este. Un'idea accolta con favore dallo stesso Fontana: "Molto interessante, ne parlerò con Italo", ha detto. Parlando di futuro c'è stato spazio anche per una riflessione sull'avvento del digitale: "Il mondo non si ferma - ha detto Fontana -. Il progresso nasce da sempre con una 'bestemmia', quando nacque l'ottica con messa a fuoco automatica furono mugugni.

 

Ma oggi la pellicola è archeologia. Photoshop? A me non interessa come hai fatto una cosa ma perché l’hai fatta. Le 'fontanate' le hanno fatte in tanti, riprendendo i miei lavori, e forse anche io qualche volta, ma io le ho fatte per primo. Per me la fotografia creativa rappresenta l'esistenza come metafora". A Fontana sono arrivate le congratulazioni anche di Giacomo Brini di Riaperture: "Ho sempre ammirato i suoi scatti e avere a Ferrara, oggi, un grande Maestro è bellissimo. Ho fatto tante foto in vita mia, ma l'occhio che ha lui sulla realtà è unico".

Altre informazioni

Data pubblicazione

27/09/2021

Aggiornamento

27/09/2021 10:27