La memoria infedele. La seduzione delle immagini da de Chirico a Schifano

Mostra-dossier presso la Sala dei Comuni del Castello Estense di Ferrara. 

Data di inizio:

01-07-2022 10:00:00

Data di fine:

27-12-2022 18:00:00

Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

Cos'è

È un nuovo appuntamento di un programma espositivo dedicato al patrimonio museale cittadino attraverso focus su artisti e nuclei tematici, che ha visto sinora protagonisti Boldini e De Pisis. L’attenzione si concentra ora sulle opere delle collezioni civiche che rievocano il clima postmoderno di fine Novecento e la rinnovata fascinazione per le arti figurative.

 

La selezione di 12 lavori, tra dipinti, sculture e opere su carta, comprende 9 dei quasi duecento pezzi della collezione privata di Franco Farina, direttore della Civica Galleria d’Arte Moderna dagli anni Sessanta agli anni Novanta e ideatore del Palazzo dei Diamanti quale sede espositiva dal richiamo internazionale. Nel 2019 la collezione Farina è stata donata alla città dalla vedova, Lola Bonora.

 

Il titolo, "La memoria infedele", riprende quello del dipinto di Leonor Fini presente in mostra per evidenziare il distacco critico, talvolta ironico, che accompagna lo sguardo retrospettivo postmoderno. Oltre alle opere di Giorgio de Chirico, Mario Schifano e Leonor Fini, completano il percorso espositivo i lavori di Remo Bianco, Carlo Mattioli e Paola Bonora.

 

 

Luogo

Ferrara, Castello Estense

Date e orari

Dall'1 luglio al 27 dicembre 2022, dalle 10:00 alle 18:00 (la biglietteria chiude 45 minuti prima).

Chiuso il martedì.

Altre informazioni

Il progetto si pone inoltre in connessione con l’estesa rassegna, sempre in Castello, dedicata all’artista ferrarese trapiantato a Berlino, Adelchi Riccardo Mantovani, la cui parabola prende avvio proprio in quel momento storico, con la mostra "Il sogno di Ferrara", visitabile fino al 9 ottobre 2022. 

Aggiornamento

01/07/2022 13:54