Rischio Sismico

Il rischio sismico e le Aree di Attesa della Popolazione nel territorio Terre Estensi

Oggetto

Il terremoto è un fenomeno naturale, normalmente di breve durata, non prevedibile, che non può essere evitato e che di solito si ripete nelle aree già colpite in passato.

Storicamente Ferrara a causa della sua ubicazione, da cui prende nome la serie di pieghe tettoniche (Pieghe Ferraresi), è stata oggetto di fenomeni sismici che talvolta hanno determinato danni al tessuto urbano e cambiamenti morfologici, basti pensare allo spostamento dell'attuale corso del Po (terremoto del 1570).

 

Descrizione

L’intero territorio comunale di Ferrara viene classificato come Zona 3 (Ordinanza n. 3274 del 20 Marzo 2003), ovvero zona soggetta a modesti scuotimenti con magnitudo attese analoghe a quelle verificatesi nel Maggio del 2012.

Una scossa sismica di per sé non costituisce una minaccia per l’incolumità delle persone, ma piuttosto provoca vittime a seguito del crollo di edifici nelle loro parti o di quello che contengono e talvolta causa incendi ed esplosioni dovute a perdite di gas. Pertanto si parla di Rischio Sismico riferendosi alla quantificazione dei danni ed alle conseguenze sulla popolazione.
La valutazione del Rischio Sismico principalmente si basa sull'analisi delle caratteristiche del territorio in rapporto con la presenza umana, secondo il procedimento generale proposto dall'UNESCO (1984), adattando la trattazione alla scala di analisi necessaria (da Nazionale a Comunale) e tenendo conto del dettaglio dei dati a disposizione.
A tal proposito viene adottata una equazione di calcolo del rischio di valore generale col fine di pianificare e mitigare i danni causati da eventi naturali estremi ed in generale riducendo l’esposizione al rischio della popolazione:

RS = H * V * E

dove:

• RS (Rischio Sismico):intende il grado di perdite attese in termini di vite umane, feriti, danni a proprietà ed infrastrutture, danni diretti ed indiretti all'economia a causa di una determinata pericolosità geologica.

• H (Pericolosità): è la probabilità che un fenomeno potenzialmente dannoso avente una certa intensità si verifichi in un dato periodo di tempo, in un determinato luogo e per determinate cause scatenanti.

• E (Elementi a rischio): comprende l'insieme degli elementi esposti al rischio come la popolazione, le proprietà pubbliche e private e le attività economiche in una data area.

• V (Vulnerabilità) è il grado di perdita atteso, su un dato elemento o gruppi di elementi a rischio, derivante da un potenziale fenomeno distruttivo di una certa intensità.

Ciò nonostante è bene tener conto che le attuali conoscenze permettono di sapere "dove" e con che "modalità" avverrà un terremoto ma non, con la necessaria attendibilità, "quando".

La previsione dei terremoti non è quindi un traguardo conseguibile in tempi brevi e l'unico strumento per prevenirne gli effetti è informare e preparare la popolazione ad essere maggiormente resiliente.

Formati disponibili: pdf

Contatti

Uffici

Uffici

Servizio Associato di Protezione Civile Terre Estensi (Comuni di Ferrara, Masi Torello, Voghiera)

Indirizzo: via G. Marconi, 35, Ferrara
Orari:

Lun 08:00-14:00

Mar 08:00-13:00 e 14:00-18:00

Mer 08:00-14:00

Gio 08:00-13:00 e 14:00-18:00

Ven 08:00-14:00

Telefono: 0532418700

Area di riferimento

Aree amministrative

Servizio Associato di Protezione Civile Terre Estensi (Comuni di Ferrara, Masi Torello, Voghiera)

Indirizzo: via G. Marconi, 35, Ferrara

Orari:

Lun 08:00-14:00

Mar 08:00-13:00 e 14:00-18:00

Mer 08:00-14:00

Gio 08:00-13:00 e 14:00-18:00

Ven 08:00-14:00

Telefono: 0532418700

Email: protezionecivile@comune.fe.it

PEC: protezionecivileferrara@cert.comune.fe.it