Primo incontro pubblico Sindaco-Rettrice UniFe

Entrambi sul palco della sala estense con gli studenti: "Lavoriamo per costruire la ripresa post-Covid"

Data di inizio:

14/10/2021

Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

Contenuto della notizia

Primo incontro pubblico, questa sera, tra il sindaco di Ferrara Alan Fabbri e la rettrice eletta dell'Università di Ferrara Laura Ramaciotti. L'occasione è stata l'incontro promosso dallo Student office della Fondazione Zanotti, in sala estense, dal titolo "Che cos'è l'università e perché te ne curi?". Fabbri e Ramaciotti - intervistati dai ragazzi - hanno raccontato le proprie esperienze, politica il sindaco e accademica la rettrice. Dal primo cittadino sono inoltre arrivati i "migliori auguri" per il mandato rettorale rivolti alla professoressa Ramaciotti.

 

"Dobbiamo riappropriarci della nostra quotidianità. Arriveremo a ritornare completamente in presenza, dobbiamo esserci per interagire, per ritornare a dialogare in maniera costruttiva, per crescere reciprocamente. Invito a fare questo sforzo insieme", ha detto la rettrice, indicando alcuni spunti di progettualità per i prossimi anni: "Il consolidamento dell'apparato infrastrutturale, l'aumento degli spazi, - come sale studio e alloggi -, il rinnovamento dei laboratori, l' irrobustimento dal punto di vista didattico di alcuni corsi di laurea, nuove iniziative di dialogo e confronto anche con il mondo delle imprese". "E poi ipotizziamo l' apertura di nuovi corsi di laurea, interpretando i cambiamenti culturali, sociali, economici".

 

Il primo cittadino ha ricordato "gli ottimi rapporti che ci hanno sempre legato all'ateneo" ed è tornato alla memoria del primo periodo pandemico: "Siamo stati i primi a chiudere in Emilia-Romagna di fronte all'esplosione del caso di Vo' Euganeo, riflettendo sulla provenienza veneta di molti studenti. La scelta è stata frutto del confronto diretto col rettore Giorgio Zauli. I fatti ci diedero ragione". "Con questo spirito collaborativo, e nella piena consapevolezza dell'eccellenza e del valore della nostra università, cercheremo di governare la vera ripresa, ora che i dati sanitari sembrano volgere stabilmente verso il miglioramento.

 

C’è la consapevolezza e la volontà da parte di tutte le istituzioni di tornare al pre Covid, senza dimenticare ciò che è stato e quanto questi mesi abbiano pesato, soprattutto sui giovani e sulle persone con fragilità. Oggi una responsabilità enorme aspetta tutti: il ritorno alla normalità, consapevoli di quanto accaduto, e la ricostruzione economica di ciò che la pandemia ha distrutto".

Altre informazioni

Data pubblicazione

14/10/2021

Aggiornamento

14/10/2021 12:02