Decoro urbano, al via la pulizia dei lampioni in galleria Matteotti

Collaborazione amministrazione - condomini. Assessore Maggi: "Individuato sistema non dannoso anti-piccioni". Balboni: "Collaborazione con ENPA"

Data di inizio:

21/10/2021

Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

Contenuto della notizia

Al via oggi la pulizia dei lampioni di galleria Matteotti, area privata ad uso pubblico. Operai dell'impresa Gamie oggi elimineranno sporcizia e guano da otto dei sedici lampioni presenti, quelli che non presentano nidi sulla sommità. Gli addetti stanno inoltre posizionando reti protettive sopra gli impianti per evitare nuovi insediamenti. La prossima settimana si procederà alla rimozione non invasiva dei nidi e quindi alla pulizia degli apparati luminosi restanti. Dalla settimana ancora successiva lo stesso genere di operazione sarà condotto in corso Porta Reno.

 

"Si tratta - spiega l'assessore Andrea Maggi - della prima fase di un complesso di azioni che abbiamo concordato con gli amministratori dei condomini interessati e con i titolari delle attività della zona, per la tutela del decoro. Complesso di azioni che, terminata la pulizia, porterà all'installazione di un dispositivo per evitare la nidificazione e la permanenza di volatili in galleria: abbiamo infatti in programma di sperimentare un  sistema composto da dissuasori a fili, non dannoso per gli animali.

 

Abbiamo previsto un acquisto rateale su più anni proprio per verificarne, in corso d'opera, l'efficacia". "Gli interventi di pulizia e di installazione dei nuovi dispositivi non nuoceranno ai volatili - sottolinea l'assessore Alessandro Balboni -. Il rispetto degli animali, in linea con quanto prescritto dalla legge, è garantito anche grazie alla collaborazione con Enpa Ferrara, che si è dimostrata disponibile a mettere in campo iniziative specifiche.

 

Accanto a questo intervento saranno, laddove necessario, potenziate le attività di pulizia della Galleria Matteotti, in collaborazione con Hera Ambiente". "Abbiamo già incontrato e coinvolto, in diverse occasioni, gli amministratori di condominio e altri titolari di attività - spiega Maggi -. Visto che parliamo di un'area privata ad uso pubblico è importante che le assemblee di condominio deliberino il via libera a questi interventi per poter, sotto l'aspetto formale, avviare i lavori di installazione".

 

"Come diciamo da sempre: è nostra intenzione individuare una soluzione a un problema annoso: la tutela del decoro di quest'area della città, centralissima nonché una delle porte d'accesso alla piazza, che purtroppo soffre di problemi antichi ma che è giunto il momento di affrontare e risolvere".

 

Altre informazioni

Data pubblicazione

21/10/2021

Aggiornamento

21/10/2021 08:48